Archive for the ‘Sport’ Category

il torneo della mia squadra

scusate se non sono venuta nel blog perchè sono andata al centero estivo a pescasseroli. Sono stata due settimane  ma la prima è la migliore . Abbiamo fatto un torneo e la mia sqcuadra quella dei gialli a vinto calcio, arrampicata, tennis,basket, e altri sport. lo sport che mi è piaciuto di più fare è stato il torneo di basket e quello di calcio. a basket abbiamo vinto  due a zero  e a calcio  tre a uno. li ogni giorno si fanno  4 sport tutti diversi per me è il paradiso e poi la sera  scatenati in discoteca.

Gli Sport !!

Lo sport è considerato un’attività fisica che produce dei benefici soprattutto per la mente ed il morale di chi lo pratica.
Esistono vari sport:base ball,basket,tennis,nuoto,badminton e tanti altri.
A tante  persone come me piace molto il calcio,il quale richiede un’ intensa attività preparatoria dal punto di vista atletico ;come del resto,gli altri sport.
Vi invito a praticare lo sport, qualsiasi esso sia, perchè fa bene allo spirito, all’anima ed alla mente.
Lo sport serve ad allenare il fisico e la mente. Questo serve anche a creare un legame di amicizia tra chi  lo pratica.Ma il  vero significato dello sport è quello di divertirsi, non di vincere o perdere.
Nello sport non c’è il più bravo e il meno bravo,perchè tutti sono messi in grado di competere con se stessi.In questo caso lo sport crea come dei legami di vita.
Per esempio, io che pratico il calcio mi sono integrato benissimo nel gruppo in cui mi trovo ed in poco tempo ho trovato amici in tutta la scuola calcio.
Buon Divertimento

I cerchi delle Olimpiadi

I cerchi olimpici sono intrecciati tra loro per simboleggiare l’unione dei popoli attraverso lo spirito olimpico e l’incontro tra atleti provenienti da tutto il mondo durante i Giochi Olimpici. Inizialmente i cerchi erano disposti in modo diverso da quello attuale, in una sequenza orizzontale, come anelli di una catena.
Ogni cerchio ha un diverso colore: blu, giallo, nero, verde, rosso. Pierre de Coubertin scelse questi cinque colori, più il bianco dello sfondo, perché all’epoca erano i colori utilizzati in tutte le bandiere del mondo. In questo modo la bandiera olimpica, raffigurante i cinque cerchi in campo bianco, avrebbe rappresentato tutte le nazioni del mondo.
Secondo l’interpretazione ufficiale del CIO, i cinque colori più il bianco dello sfondo assieme simboleggiano tutti i paesi del mondo, mentre non c’è alcuna associazione tra i singoli colori e i cinque continenti. Nell’opinione pubblica si è però ormai consolidata l’idea che ogni cerchio e il suo colore rappresentino un continente, secondo il seguente abbinamento convenzionale: BLU per l’Europa, GIALLO per l’Asia, NERO per l’Africa,
VERDE per l’Oceania e ROSSO per l’America.
I cinque cerchi apparvero per la prima volta nel 1913, nell’intestazione di una lettera scritta da De Coubertin. Li aveva disegnati e colorati lui stesso. Sempre quell’anno, il nuovo simbolo venne descritto nel numero di agosto della Rivista Olimpica.
I cinque cerchi e la bandiera olimpica (un’altra idea di De Coubertin) furono presentati ufficialmente al Congresso Olimpico di Parigi nel 1914. Gli ideali di universalità e fratellanza simboleggiati dai cinque cerchi erano una proposta molto innovativa per l’epoca, l’inizio del XX secolo, in un clima mondiale sempre più teso e segnato da forti nazionalismi.
Pochi mesi dopo scoppiò la prima guerra mondiale. Il conflitto impedì lo svolgimento delle Olimpiadi del 1916, e quindi si dovette aspettare fino al 1920 per vedere sventolare la bandiera coi cinque cerchi in uno stadio olimpico.
I cinque cerchi comparvero per la prima volta sulle medaglie olimpiche nell’Olimpiade del 1924 a Parigi, ma non divenne un uso consolidato nelle Olimpiadi estive fino al 1976 a Montreal. Nella storia delle Olimpiadi invernali, invece, le medaglie hanno sempre avuto l’effige dei cinque cerchi.
Seguendo il crescente successo di pubblico delle Olimpiadi, aumentarono anche le applicazioni del simbolo dei cinque cerchi. Nel 1924 apparvero i primi souvenir con i cerchi olimpici, nell’Olimpiade invernale del 1928 il primo manifesto con la bandiera olimpica e nell’edizione estiva dello stesso anno i primi francobolli con i cinque cerchi.
Attualmente l’uso dei cinque cerchi è strettamente regolamentato dal CIO. Di regola possono essere usati come parte dei loghi e dei segni distintivi dei Comitati Olimpici nazionali (il CONI in Italia), delle Comitati Organizzatori dei Giochi Olimpici e dalla città di Losanna, in Svizzera, che, in quanto sede del CIO, può fregiarsi del titolo di “città olimpica”.

Iscrivetevi con noi.. a Pallavolo

alla battuta...

Siamo : Angelica, Giorgio, Ludovica e Camilla, nella palestra di G. Castello (in via Sannio 70) ci divertiamo tantissimo a giocare a PALLAVOLO con l’istruttore più simpatico, più gentile e più bravo del mondo: Sandro. Lui oltre a farci giocare ed insegnarci la pallavolo, ci racconta sempre delle storie .
VI INVITIAMO TUTTI AD ISCRIVERVI A PALLAVOLO: VENITE IL MARTEDI’ E IL GIOVEDI’ DALLE ORE 18.00 ALLE ORE 19.00, CI DIVERTIREMO UN MONDO

VI ASPETTIAMO !

Ilaria…….Il cavallo e le attività equestri

Ci sono molte attivtà divertenti da fare con il cavallo che oggi andiamo a conoscere.

Il salto ostacoli è uno sport olimpico che prevede le seguenti gare: a squadre o individuale, per singola disciplina o all’ interno del completo, una specialità che comprende tre prove: dressage, cross country e salto ostacoli.

Il “dressage” è una disciplina inglese che poi si è sparSa in tutto il mondo tranne in america. Di solito nelle gare di dressage gli esercizi sono percorsi.possono partecipare anche principianti alle gare di dressage benchè ci sono vari livelli.

La monta western praticata molto in America non è una disciplina olimpica.quasi sempre la monta viene anche accompagnata all’abbigliamento uguale a queLlo dei cowboy.

Il polo si gioca a squadre formate da 4 giocatori. I giocatori devono tirare la palla in una porta con una mazza di bambù. Vince chi segna più punti all’incirca in un ora.

Le corse vengono svolte al galoppo su piste ovali in erba o in sabbia. La distanza dal traguardo è dai 800 ai 3000 metri. Vince chi taglia per primo il traguardo.

Il CROSS COUNTRY E’ IL NOME DI UNA SPERICOLATA ATTIVITA’ DOVE SI SALTANO OSTACOLI NATURALI. I PERCORSI DI CROSS COUNTRY SONO MOLTO INPEGNATIVI.

IO AMO I CAVALLI E SPERO CHE DA QUESTA PAGINA ABBIATE APPRESO QUELLE PICCOLE COSE SUL CAVALLO CHE SE VI SONO PIACIUTE VE LE RICORDERETE SEMPRE. ILARIA